Sale marino integrale: un prezioso alleato in cucina per proteggere la nostra salute

int

Il sale marino integrale, come dice il suo stesso nome, è il vero e proprio sale derivante dalle acque del mare e non viene sottoposto ad alcun trattamento di raffinazione, tanto che si presenta di colore grigio e ben più denso al tatto del sale da cucina bianco.

Introdurlo nella nostra cucina è di sicuro una scelta vincente, perché questo sale non è trattato con sbiancanti chimici, quindi non ha residui tossici, e contrasta i radicali liberi in maniera significativa e decisa. Il suo prezzo, lievemente più alto del comune sale che troviamo al supermercato, è giustificato a pieno dal benessere, che ne riceviamo, quindi impariamo a scegliere quale sia il migliore per noi.

dent

In commercio si trovano tre diverse tipologie di sali marini integrali: il sale rosa dell’Himalaya, il sale integrale dell’Oceano Atlantico francese e il fiore di sale, che è il più diffuso e si forma sulle saline, grazie all’effetto essiccante di sole e vento.

Tutti e tre questi sali sono ricchi di iodio e magnesio e, oltre che per dare sapore alle nostre pietanze, possono essere impiegati anche per rinforzare il sistema immunitario, per facilitare la peristalsi dell’intestino e per favorire la digestione. Sciolti nell’acqua tiepida, si possono usare per fare delle soluzioni idrosaline, utili per ridurre le faringiti o le infiammazioni del cavo orale, nonché per contrastare la formazione di tartaro e carie.

Sciolti nella nostra vasca, i sali marini aiutano a donarci un bagno rilassante e curativo per la nostra pelle, distensivo per i muscoli, quindi davvero ottimale alla fine di una giornata di lavoro.

Facciamo attenzione a non confondere il sale marino integrale con il sale iodato. Infatti, quest’ultimo è comunque un sale trattato chimicamente per sbiancarlo, che perde in tal modo tutti i suoi principi essenziali, al quale poi viene aggiunto lo iodio, sempre in maniera artificiale. Si tratta, perciò, di un prodotto prima privato di alcuni elementi e poi arricchito con altri: l’exploit del chimico!

Macrolibrarsi.it presenta la nuova collana Il Filo Verde di Arianna

Il sale marino integrale si può usare anche per preparare il gomasio, insieme ai semi di sesamo tostati in padella, così da aversi un condimento ricco di oligoelementi, calcio, ferro e vitamine A e B, che aiuta a prevenire le malattie, agendo sempre come elemento rinforzante del sistema immunitario.

Un’ultima informazione utile, soprattutto per tutti coloro che molto spesso mi chiedono dove si trovino questi condimenti. Il sale marino integrale si trova facilmente nei negozi di alimentazione biologica, ma anche in erboristeria o su internet sui siti specializzati.

Cannelloni veg ai funghi e zucca

dent

Ingredienti:

  • gr 250 di cannelloni di pasta di semola di grano duro
  • kg 1 di funghi champignon
  • gr 300 di zucca
  • besciamelle vegan
  • ml 250 di panna di soia
  • olio extravergine d’oliva
  • 1 cipolla
  • 2 spicchi d’aglio
  • gomasio
  • sale marino integrale q.b.
  • pepe q.b.

Preparazione:int

Lavate i funghi e la zucca e tagliateli a fettine sottili (lasciate solo qualche fungo intero che vi servirà alla fine per guarnire la vostra teglia di cannelloni).

Intanto, in una padella fate rosolare in olio bollente l’aglio e la cipolla e, quando questi sono ben dorati, buttate l’aglio e aggiungete funghi e zucca; chiudete con un coperchio e fate cuocere a fiamma viva per circa 30 minuti.

Quando le verdure sono quasi pronte, versate nella padella la panna di soia, salate e pepate e mescolate il tutto.

Nel frattempo preparate la besciamella (potete trovare nella sezione Salse la ricetta completa) e lessate i cannelloni in acqua bollente. Per scolarli usate una schiumarola d’acciaio, sollevandoli delicatamente dalla pentola e stando attenti a non romperli.

Mettete i cannelloni a riposare su un piatto da portata, l’uno separato dall’altro per non farli attaccare, e riempiteli con il vostro impasto di funghi e zucca. Tenete da parte qualche fungo sano per usarlo come decorazione superiore dei vostri cannelloni.

Prendete, infine, una teglia larga e iniziate a cospargere il fondo con un velo d’olio e uno strato sottilissimo di besciamella; quindi adagiatevi i cannelloni e ricopriteli con uno strato abbondante di besciamella e una spruzzata di gomasio. Decorate con i funghi interi lasciati da parte,

Cuocete a 180°C per circa 40 minuti, facendo dorare la superficie superiore e servite ben caldi.