Fluoro

int

Il fluoro, insieme al calcio, di cui via abbiamo già parlato, è il principale componente di ossa e denti.

Le sue funzioni fisiologiche sono molteplici, dal momento che il fluoro:

  • contrasta l’osteoporosi, dal momento che facilita il processo di deposito del calcio nelle ossa;
  • rende più saldi i legamenti;
  • ha azione preventiva nei confronti della carie;
  • ostacola i processi degenerativi dell’apparato cardiovascolare;
  • contrasta alcuni disturbi dell’udito.

Una sua carenza, dunque, può causare indebolimento osseo, insorgenza di carie dentarie, danni a carico dei legamenti.

Al contrario un eccesso di fluoro può portare a blocco dell’azione di alcuni enzimi, soprattutto la fosfatasi, nonché a danneggiamento della funzione renale e muscolare. Inoltre, troppo fosforo causa la comparsa di macchie bianche sui denti e dolori articolari ed ossei pronunciati.

Quindi, la dose giornaliera consigliata per un adulto varia da mg 1,5 denta mg 4.

Gli alimenti vegetali ricchi di fluoro sono molti. Di seguito ne indichiamo alcuni, specificando per ciascuno di essi il contenuto in mg di calcio per 100 grammi di alimento:

  • tè in genere: mg 372,9
  • tè deteinato: mg 269,2
  • uva secca: mg 233,9
  • vino bianco: mg 202
  • succo di uva: mg 201
  • vino rosso: mg 104,6
  • caffè: mg 90,7
  • succo di mirtilli: mg 67,3
  • succo di prugna: mg 60,2
  • pane di segale: mg 51
  • patate lesse: mg 49,4
  • carote lesse: mg 47,5
  • birra: mg 45,3
  • spinaci lessi: mg 37,8
  • pepe: mg 34,2
  • patate fritte: mg 25,6
  • asparagi lessi: mg 21,9
  • fagiolini verdi: mg 19
  • spaghetti: mg 18
  • arachidi tostate: mg 16
  • infuso di camomilla: mg 13
  • rum: mg 9
  • avocado: mg 7
  • miele: mg 7
  • ravanelli: mg 6
  • pomodori rossi: mg 5,1
  • cioccolato al latte: mg 5
  • fragole: mg 4,4
  • pesche: mg 4
  • broccoli lessi: mg 4
  • sedano: mg 4
  • prugne secche: mg 4
  • pistacchi: mg 3,4
  • mele: mg 3
  • fagioli cannellini: mg 2,2
  • banane: mg 2,2
  • pere: mg 2,2
  • fagioli borlotti: mg 2,2
  • ciliegie: mg 2
  • peperoni verdi: mg 2
  • prugne: mg 2
  • sale da cucina: mg 2
  • anguria: mg 1,5
  • cetrioli: mg 1,3
  • cipolla: mg 1,1
  • pompelmo: mg 1.

La principale fonte di fluoro rimane, in ogni caso, l’acqua potabile, se di buona qualità.

Quindi il contenuto di questo microelemento può aumentare, rispetto alle dosi sopra indicate, se gli alimenti sono cotti in acqua fluorate o anche se sono cucinate usando delle padelle o delle pentole trattate con il teflon.

Tutte le ricette del blog possono essere pubblicate su altri siti solo citando la fonte.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...