Archivi categoria: Eventi, sagre e manifestazioni

Il magico villaggio di Babbo Natale ad Aquino (FR)

Dall’11 novembre al 26 dicembre 2017, nel suggestivo borgo medievale di Aquino in provincia di Frosinone, è possibile visitare il Villaggio di Babbo Natale, dove potremo approfittare di eventi e spettacoli per un magico natale per tutta la famiglia.

Nell’ufficio postale, infatti, gli Elfi si prodigheranno per far pervenire le lettere dei bambini, ma anche quelle dei più cresciutelli, al grande capo del villaggio, ovvero il simpatico vecchietto vestito di rosso con la barba bianca.

 

Il Magico Villaggio è la meraviglia dei bambini, ma anche il piacere degli adulti. Nel mercatino, dunque, potremo trovare addobbi, giocattoli, dolciumi di ogni tipo, prodotti artigiani interamente fatti a mano e tanti regalini per un Natale veramente unico.

Girando tra le casette del borgo potremo, invece, approfittare per assaggiare un piacevole vin brulé, che, quando il freddo si fa sentire, è un ottimo metodo per scaldarsi e deliziare il palato, meglio se accompagnato da biscotti appena sfornati e altre leccornie natalizie, incontrando elfi, fatine e personaggi fantastici.

Nell’area spettacoli potremo assistere a fantasmagoriche esibizioni di pregevoli artisti.

Passeggiando nel fatato borgo ci  potrà capitare anche di incontrare la pestifera Masha con il simpatico Orso, i personaggi del Regno di Ghiaccio di Frozen, oppure Topolino, Minnie e altri loro amici, come Ariel, Biancaneve, Belle oppure gli eroi di Toy Story.

Gli altri fantastici amici ve li lascio scoprire da soli.

Il villaggio è visitabile dal Lunedì al Giovedì dalle ore 10.00 alle ore 18.00 e poi dal Venerdì alla Domenica dalle ore 10.00 alle ore 22.00.

Sarà piacevole andare a conoscere anche il borgo Aquinum, dove è possibile entrare all’interno della casa di San Tommaso e gustare prodotti tipici della tradizione locale.

Per un Magico Natale non manca proprio nulla.

Il costo dei biglietti varia: da 0 a 5 anni il costo è gratuito, da 6 a 9 anni il costo è di € 5,00, il biglietto intero costa € 10,00, l’abbonamento comprensivo di 5 ingressi € 30,00, il pacchetto famiglia – ossia 2 interi e 2 ridotti – € 20,00.

Per informazioni bisogna contattare il numero di cellulare 328.1814563 o inviare una mail all’indirizzo di posta elettronica info@lamagiadelnatale.it o visitare il sito istituzionale dell’evento.

Articolo di Alessandro Rotondi

verdenaturablog@gmail.com

https://www.facebook.com/verdenaturablog


Annunci

Ventiduesima Sagra della Bruschetta a Monteleone Sabino

 

Amanti dell’olio buono, di quello buono veramente fatto ancora come un tempo e con olive di prima qualità, lavorato a freddo, ecco l’evento che fa per voi, ovvero la Sagra della Bruschetta di Trebula Mutuesca in provincia di Rieti, attuale Monteleone Sabino.

Qui si produce un olio extravergine di oliva tra i più noti in Italia. Domenica 19 novembre, in occasione della 22^ edizione, potremo conoscere da vicino questo oro verde e i suoi segreti.

Monteleone Sabino è un borgo che trasuda miti e leggende medioevali e sarà piacevole percorrere i suoi vicoli. Potremo visitare il frantoio biologico e vedere da vicino come avviene la lavorazione delle olive con le macine di pietra.

Assistere alla lavorazione dei prodotti della terra è sempre uno spettacolo che attira grandi e piccini. Potremo restare affascinati dalle ruote delle macine che frantumano le olive in una pasta di polpa e nocciolo. Sarà poi il sapiente frantoiano quando l’impasto è pronto per essere steso sui fiscoli, dischi tessuti con corde, per poi essere spremuto nelle presse.

Vi è venuta voglia di assaggiare e magari portarne qualche bottiglia a casa, acquistandolo direttamente dai produttori? Niente paura, anche quest’anno sarà possibile farlo.

 

L’odore dell’olio, la sua fragranza, faranno da antipasto al pranzo che potrà essere gustato al coperto, nello spazio allestito dalla Pro Loco per degustare manicaretti tipici accompagnati, manco a dirlo, dal vino novello e conditi con l’olio nuovo.

Olio Extravergine di Oliva Biologico
Solo da olive Italiane – estratto a freddo

Voto medio su 27 recensioni: Da non perdere

€ 11.9

La regina della festa arriverà alle ore 14.30. La sfilata del filone di pane lungo 20 metri, da cui saranno tagliate le bruschette per la degustazione gratuita, che avverrà in piazza alle ore 15.00.

Anche quest’anno verrà premiato l’olio migliore della Sagra, nella quinta edizione del Concorso  “Oliviferaque Mutusca – L’Oro verde di Trebula Mutuesca”.

Una domenica all’insegna dei sapori e della storia. Infatti, dalle ore 10.00, si potranno visitare il museo archeologico e gli scavi, e il Santuario di Santa Vittoria guidati dagli operatori dall’Associazione Culturale Trabes.

Il tutto sarà accompagnato da spettacoli folcloristici e canti popolari. Parlavamo prima di leggende e miti, come quella legata al culto della patrona del paese.

La Santa si convertì al cristianesimo sotto l’Imperatore Decio, attorno all’anno 250. Un orribile drago, che aveva fatto di una grotta il suo riparo, terrorizzava la popolazione di Trebula. Vittoria riuscì cacciarlo.

Vittoria, nonostante tutto, fu invitata da un funzionario, Taliarco, ad abbandonare il cristianesimo e venerare la dea Diana, e al suo rifiuto venne trafitta con un colpo di pugnale e dove avvenne il fatto l’erba, così si dice, non cresce più. Santa fu seppellita nella grotta del drago e lì venerata.

Gli ingredienti ci sono tutti per una bella, profumata, gustosa e rilassante domenica fuori porta.

Per maggiori informazioni potete scrivere a monteleonesabino@virgilio.it , visitare la pagina face book della Pro Loco Monteleone Sabino.

Articolo di Alessandro Rotondi

verdenaturablog@gmail.com

https://www.facebook.com/verdenaturablog

 

Frantoil
Il tuo frantoio in casa per produrre olio 100% naturale da tantissimi semi

Voto medio su 1 recensioni: Da non perdere

€ 489

Soggiorni gratis nei B&B grazie alla Settimana del Baratto

Si può soggiornare nei Bed & Breakfast pagando con beni di consumo o servizi? La risposta è si. Sta per partire la nona edizione della Settimana del Baratto, organizzata www.bed-and-breakfast.it/it/ .

La regola è presto detta: “gli ospiti non devono mettere mano al portafoglio, ma cimentarsi in prestazioni manuali e creative o portare con sé un qualche articolo che i gestori delle strutture desiderano. Ed è solo questa, com’è facile apprendere sul sito web che organizza l’iniziativa.

Come si fa a conoscere quali sono le strutture che aderiscono, avanzare proposte e concludere lo scambio?  Basta visitare il sito dedicato proprio alla Settimana del Baratto oppure ci si può organizzare anche tramite la pagina facebook .

I B&B aderenti si trovano in tutta Italia e anche all’estero.

Sono tre le possibilità per partecipare:

  1. scegliere la località che si vuole visitare e trovare la struttura che fa al caso, contattarla dal sito e proporre la propria offerta, risponderanno via mail.
  2. consultare la lista dei desideri dei B&B aderenti all’iniziativa, verificare se la richiesta della struttura può essere onorata e s e di gradimento proporsi quale ospite, in cambio di quanto richiesto
  3. inserire nel sistema la proposta di baratto, se ci sono strutture interessate al bene o al servizio proposto, si verrà contattati.

I desideri dei B&B spaziano dai beni di consumo, alle consulenze, alla fornitura di piante come di arredamento delle stanze. Per esempio Damammasara Affittacamere di Rignano sull’Arno vorrebbe avere piante grasse  di cui sono molto appassionati, oppure B&B Ametista di Ponteranica vorrebbe un servizio fotografico professionale, all’agriturismo Glamping Il Sole di Civitella Marittima farebbe comodo abbigliamento, coperte e un casco da vespa, e così via. Volete andare alla Mauritius? Reine Creole a La Gaulette chiede in cambio lezioni di inglese, francese o tedesco per i due figli dei proprietari.

Per le strutture estere visitare il sito dedicato.

La Settimana del Baratto inizia lunedì 13 e finisce domenica 19 novembre. L’occasione è ghiotta. Fatevi sotto.

Articolo di Alessandro Rotondi

verdenaturablog@gmail.com

https://www.facebook.com/verdenaturablog

 


Vino e olio novello in festa. Dal 10 al 19 novembre

Siamo a novembre, in questi giorni sembra proprio che l’autunno sia infine arrivato.

Il cielo si fa grigio, le foglie sugli alberi ingialliscono.

Cambiano odori e colori, cambiano i sapori.

La terra ci regala nuovi frutti, come zucche, castagne, noci, i dolci cachi (per una buona spesa di stagione e per gustose ricette autunnali vedere i consigli presenti nel nostro blog).

L’autunno è anche il periodo in cui si raccolgono uva e olive, che poi ci donano, attraverso il sapiente lavoro dell’uomo, ottimo nettare degli dei e oro verde. E’ ormai tradizione che vino novello e olio nuovo siano i protagonisti di feste e sagre loro dedicati. Iniziamo, quindi, a riproporre le occasioni per gustarli e approfittare per conoscere o tornare in borghi e luoghi carichi di storia, dove la natura è ancora uno spettacolo.

Ed ecco che per il fine settimana che si approssima, e per il successivo, segnaliamo due eventi non lontani da Roma, nella nostra amata Tuscia viterbese, ovvero la XIII Festa del Vino e dell’Olio novello di Vignanello e di Blera (San Martino ogni mosto diventa vino).

 

Si parte il 10, 11 e 12 novembre. Ci aspettano cantine aperte, degustazioni di vino e olio, e tanta buona pappa della tradizione gastronomica, oltre a mercatini dei prodotti locali e visite guidate, musica, mostre d’arte e tanta allegria e genuina ospitalità.

A Blera durante la manifestazione, giunta ormai alla decima edizione,  potremo fermarci per un aperitivo – merenda in una delle otto cantine aperte, o nel Tendone del Rifugiato. Si potrà cenare, su prenotazione, in una delle 12 cantine aperte per l’occasione, al costo fisso di € 20,00. Tutte le informazioni sul sito della Pro Loco di Blera.

Nello stesso fine settimana, con replica il 17, 18 e 19 novembre, a Vignanello va in scena la XVIII edizione della Festa dell’Olio e del Vino novello.

Qui ci aspettano cene in taverna, rievocazioni storiche, giocoleria, visite al castello e alla Vignanello sotterranea, degustazioni, artigianato e potremmo ammirare la maestria di antichi mestieri. Informazioni presenti sul sito della Pro Loco di Vignanello.

A Palombara Sabina, invece, domenica e solo domenica 10 novembre, l’Associazione Culturale Idee e Valori presenta la XV edizione del Il Giorno di Bacco, al Castello Savelli. Anche qui ci attendono mostre, degustazioni e visite guidate.

La manifestazione, ad ingresso libero avrà inizio alle ore 10.30. Si potrà visitare il Castello e salire sulla torre. Potremo entrare in contatto con i produttori agricoli della zona e acquistare i loro prodotti. Dalle 12 alle 20 potremo degustare i principali vini del Lazio e del Centro Italia, in particolare quelli della zona del Parco Regionale dei Monti Lucretili. Per quanto riguarda l’olio, per chi è interessato, mini corsi di degustazione, degustazione  e vendita diretta, con bruschetta per tutti. Interessante anche il V mercatino dell’artigianato, con mostra di tecniche di lavorazioni tradizionali di vetro, cuoio, legno, saponi, cere ecc. con rievocazione degli antichi mestieri.

Non finisce qui, gli amanti dello Slow Food potranno godere di una degustazione guidata dei migliori prodotti tipici delle terre sabine e sarà possibile assaggiare e acquistare direttamente dal produttore.

Alle 12.30 Apre la Locanda di Bacco dove si potrà pranzare gustando prodotti tipici preparati e conditi con dell’olio extravergine di oliva a marchio DOP.

 

Ritroviamo la pizza fritta, tipica anche di questa zona, da mangiare dolce oppure salata o coperta di nutella. Io adoro quella condita con il sale. Non mancherà la musica, ed trovandoci in un castello sbandieratori e figuranti in abiti storici ci stanno proprio bene. Per ulteriori informazioni consultare il sito di Idee e Valori.

Come si sceglie si sceglie bene. Ci vediamo per brindare, magari, con un buon vin brulé, gustando caldarroste o pizzette fritte, o una fragrante bruschetta con l’olio nuovo.

Articolo di Alessandro Rotondi

verdenaturablog@gmail.com

https://www.facebook.com/verdenaturablog

 

Frantoil
Il tuo frantoio in casa per produrre olio 100% naturale da tantissimi semi

Voto medio su 1 recensioni: Da non perdere

€ 489

“Il sale sulle code” Gara di cucina vegan a Roma

Dopo il successo della competizione estiva, si terrà a Roma, il prossimo 29 ottobre, la gara di cucina vegan Il sale sulle code.

L’appuntamento è fissato per le 12.30 presso Happy Lake, sulle sponde del laghetto dell’Eur.

Protagonisti di quest’edizione saranno i piatti salati, rigorosamente vegani, quindi privi di qualsiasi ingrediente di origine animale. I migliori di questi saranno premiati con un pacco offerto da Ivegan, che saprà far felice davvero tantissimi palati.

Quindi cosa aspettate provetti cuochi? Di seguito vi aggiungo anche il regolamento, così siete sicuri di non sbagliare:

Sono ammessi solo piatti salati (con esclusione dei primi piatti di pasta) come polpette, frittate, rustici, pasticci vari, tutto rigorosamente senza animali e dervati. 
In corso di adesione da parte dei cuochi, possiamo valutare di aprire anche ai primi piatti e concorrere con due categorie separate: primi e secondi) Al momento diamo precedenza ai secondi piatti, essendo quelli che nell’immaginario collettivo degli onnivori è più complicato da realizzare, ed avendo l’evento l scopo di divulgare e sensibilizzare alla scelta vegan vogliamo offrire la possibilità di assaggiare ciò che meno è conosciuto. 
Il piatto con il quale i cuochi decideranno di concorrere dovrà essere già cotto, sul posto non è possibile riscaldare. Verranno fatte piccole porzioni, un assaggio appunto, per consentire a tutti, senza esagerare, di assaggiare un pò di tutto, senza sentirsi già sazi dopo le prime portate.
I cuochi dovranno portare le sole posate per fare le porzioni, piatti e posate per gli assaggiatori, saranno fornite dagli organizzatori. 

Agli assaggiatori sarà richiesto un contributo spese di 5 euro e potranno assaggiare tutti i piatti a disposizione e votare il preferito.
All’ingresso verrà consegnata la scheda per la votazione.

Al termine della Gara ci sarà lo spoglio delle schede e i 3 cuochi che avranno ottenuto più voti per il proprio piatto saranno dichiarati vincitori come primo, secondo e terzo classificato.
Non ci sono limiti di età per i partecipanti!“.

Come vedete, perciò, se anche non siete forti dietro ai fornelli, potete partecipare come assaggiatori e dare così il vostro voto al piatto migliore della giornata.

L’evento è organizzato dall’associazione Liberiamiamoli ed è a scopo di beneficenza.

Per informazioni ed iscrizioni potete inviare una mail a: salesullecode@gmail.com o contattare Monica al numero di cellulare: 335.7735307. Per maggiori dettagli potete consultare l’evento facebook.

Noi anche questa volta saremo presenti con la nostra cuoca Roberta D’Alessandro e speriamo di incontrare tantissima gente, come nelle scorse edizioni.

E che la gara abbia inizio….

Articolo di Sabrina Rosa

verdenaturablog@gmail.com

https://www.facebook.com/verdenaturablog

 

 

Festa del Fungo Porcino di Marcetelli (Ri)

Amanti del Fungo Porcino e dell’aria buona, non potete perdervi sabato 9 luglio la Festa del Fungo Porcino di Marcetelli, borgo del reatino dove il famoso e squisito tubero cresce in quantità e in qualita da tempo immemore, che persino gli Antichi Romani lo apprezzavano.

Sono ormai 26 anni che la Pro Loco di Marcetelli organizza l’evento, dove folclore, buona cucina, allegria, cultura e le immancabili eccellenze del territorio, garantiscono una bella giornata.

Ampi spazi verdi attrezzati, cinquecento posti a sedere, ci attendono per gustare il delizioso pranzo, che prevede in particolare bruschette con l’olio buono, le fettuccine ai funghi porcini, ovviamente, e un buon bicchiere di rosso genuino.

Il tutto avrà inizio alle 9.oo quando apriranno gli stand dove assaggiare e acquistare marmellate, olio extravergine di oliva, formaggi e liquori, tutti prodotti rigorosamente locali.

Video documentari, musica dal viso canti popolari e visite guidate, aiuteranno a riempire la giornata di festa. Un bus navetta sarà disponibile per coloro che vorranno visitare il paese.

Mercetelli è arroccato su uno sperone di roccioso, in esso possiamo ammirate la Chiesa di Santa Maria in Villa appena ristrutturata, dell’XI Secolo, la fontana ottagonale e la porta del castrum, da cui si gode un notevole panorama.

Se amate la pesca il Lago del Salto non è lontano, per gli amanti della natura è possibile fare una passeggiata nei boschi secolari.

La festa è organizzata dall’Associazione Turistica Pro Loco Marcetelli, con il patrocinio dell’Azienda di Promozione Turistica della Provincia di Rieti, della Regione Lazio, del Comune di Marcetelli, della VII Comunità Montana Salto Cicolano, della Camera di Commercio e dell’Amministrazione Provinciale di Rieti della Riserva Naturale Monte Navegna Monte Cervia.

Buon Porcino a tutti.

Articolo di Alessandro Rotondi

verdenaturablog@gmail.com

https://www.facebook.com/verdenaturablog

 

Nella stanza delle orchidee

Vi segnaliamo, oggi, un evento che si terrà a Roma domenica 28 maggio nel quartiere di Monteverde, cuore della città.

Si tratta del’incontro intitolato Nella stanza delle orchidee, nel corso del quale i membri dell’istituto Buddista Italiano Soka Gakkai condivideranno con i partecipanti momenti di arte, cultura, educazione e dialogo.

Si tratta di un momento di incontro-confronto in piena linea con lo spirito divulgativo del blog, ecco perché siamo qui a proporlo.

L’appuntamento – per chi volesse partecipare – è fissato per le ore 16.00 presso il Cantiere Teatrale a Circonvallazione Gianicolense, 307.

Previsti anche un buffet e uno spazio dedicato ai più piccoli.

Articolo di Sabrina Rosa

verdenaturablog@gmail.com

https://www.facebook.com/verdenaturablog

84^ Sagra delle fragole di Nemi

Leggenda vuole che già i gaudenti romani conoscessero e gustassero la squisitezza della fragolina di Nemi.

La storia di questa fragola è legata al Nemus nemòris, il bosco sacro della dea Diana che si estende dal comune di Nemi sino alle pendici del lago.

Il  mito racconta che l’amore del giovane Adone era conteso tra Venere e Persefone;  quest’ultima, irritata dal comportamento civettuolo di Venere nei confronti del  ragazzo, chiese aiuto a Marte che, infuriato, durante una  battuta di caccia, prese le sembianze di cinghiale e lo uccise.

Le lacrime di Venere sul sangue di Adone  si trasformarono in piccoli cuori rossi.

Ed ecco le fragole.


Da qui nasce la festa in onore di Adone,  che aveva luogo il 13  giugno in Piazza Campo de’ Fiori a Roma, in occasione di Sant’Antonio da Padova.

Le fragolare preparavano un canestro per contenere la statua del santo e  tutt’intorno deponevano cestini di fragole che distribuivano ai viandanti.

La festa si trasferisce a Nemi dopo l’Unità d’Italia.

A partire da sabato 28 maggio si rinnoverà la tradizione.

Le ragazze indossano gonna rossa, bustino nero,  camicetta bianca e mandrucella candida in testa, l’antico costume tradizionale, e sfilano per le strade del paese  distribuendo fragole, accompagnando carri allegorici.

La sagra è stata istituita nel 1922. Il frutto protagonista è una fragola di bosco di origine europea, è piccola e di forma allungata, dal sapore dolce ed è molto profumata.

Le fragoline diventano liquori, sciroppi, marmellate, gelati e…il famoso fragolino, ovviamente.

Parliamo di oltre mille prodotti che potremo gustare durante la sagra.

L’appuntamento è per domenica 4 giugno a Nemi, a partire dalle ore 10.00.

Le strade vengono colorate con composizioni floreali, che faranno da sfondo a rievocazioni storiche, danze e balli tradizionali, animati dal gruppo di danze popolari Terra Nemorense.

La Sagra ospita la seconda edizione della biennale internazionale di arte di Nemi, Biarten, una esposizione di installazioni, sculture e opere pittoriche allestita nella sala delle armi di Palazzo Ruspoli, che terminerà il 21 luglio.

L’appuntamento è dunque a Nemi, dal 27 maggio al 4 giugno.

Tutte le informazioni potete trovarle sul sito ufficiale di Nemi.

Articolo di Alessandro Rotondi

verdenaturablog@gmail.com

https://www.facebook.com/verdenaturablog

Acquista Online su IlGiardinodeiLibri.it

Trattamenti Ayurveda per prendersi cura di sé e non solo…

 

Come, ormai, avrete capito questo blog persegue sempre più intensamente l’obiettivo di promuovere una cultura del benessere olistico, all’interno del quale mente e corpo trovano lo stesso spazio di ascolto e di cura.

Così curiosando in rete e facendo nuove conoscenze, mi sono imbattuta anche in Gabriella, una splendida persona, che sta supportando l’attivazione e la realizzazione di questi trattamenti ayurveda.

Si tratta di massaggi speciali, che hanno origine in India e che utilizzano degli oli riscaldati per la loro realizzazione, specifici  a seconda delle diverse esigenze delle persone.

A realizzarli sarà Brigitte Bauer, specialista in ayurveda.

Per maggiori informazioni su costi e date e, soprattutto, per prenotare questi massaggi potete chiamare Gabriella al numero 333.2088540.

Il programma completo lo trovate a questo link: Il massaggio Ayurveda.

Ma le sorprese non finiscono qui. Infatti Gabriella, che come vi dicevo è una splendida persona, ha deciso di devolvere parte del ricavato dei massaggi ad un’associazione, che segue un gattile a Roma nel quartiere Monteverde.

Si tratta dell’associazione Mici del San Camillo, che si trova all’interno dell’omonimo ospedale e che, a titolo di volontariato, si occupa di circa 100 gatti.

Quindi qui le buone azioni non finiscono davvero. Questo trattamento ayurveda aiuta il nostro corpo e la nostra mente a star meglio, ma ci consente allo stesso tempo, anche di prenderci cura di piccoli amici a quattro zampe, quindi infinita energia positiva per ognuno di noi.

Provare per credere! Cosa c’è di meglio al mondo che amarsi amando anche chi condivide con noi questo pianeta? A voi la riflessione sul tema…

Articolo di Sabrina Rosa

verdenaturablog@gmail.com

https://www.facebook.com/verdenaturablog

Al via la terza edizione del FrankenBierFest a Villa Torlonia

È primavera, e con essa si risveglia la voglia di uscire, stare all’aria aperta, dissetarsi con una buona birra fresca.

Se fosse possibile nella stessa sera assaggiarne più d’una sarebbe anche meglio, magari in buona compagnia, accompagnando con qualcosa di sfizioso da mangiare.

Bene, allora il festival delle birre della Franconia cade proprio a fagiolo.

Eccoci, infatti, sta per partire la terza edizione del FrankenBierFest, nella splendida location che è la Limonaia di Villa Torlonia.

Abbiamo tre giorni a disposizione, un intero fine settimana, dal 7 al 9 aprile, per perderci nella Franconia, regione centrale della Germania, la parte settentrionale del Land di Baviera, appositamente ricreata per noi. E’ il territorio con la più alta concentrazione di birrifici al mondo.

Selezionatore delle birre e dei birrifici sempre lui, Emanuele Colonna, proprietario del pub trasteverino Ma Che Siete Venuti a Fa che insieme a Publigiovane Eventi, editore di Fermento Birra Magazine, organizza la manifestazione.

Non mancheranno esperti venuti direttamente dalla Baviera, degustatori internazionali e potremo ammirare la mostra fotografica del beer travellerMichael James.

La scena è presto descritta: un lungo bancone con tutte le botti e i birrai partecipanti. Potremo gustare la tradizione mangereccia della Franconia grazie a La Limonaia.

Birra per Passione
Le 500 migliori birre artigianali del mondo
€ 30

Per affrontare il nostro viaggio birresco avremo a disposizione un’utile guida contenente i percorsi e la descrizione dei birrifici e delle birre che potremo gustare, ovvero:

BRAUEREI ZEHENDNER: Monchsambacher Lager – Export
BRAUEREI KNOBLACH: Ungespundet Lager – Rauschla – RauchSüdla
GAENSTALLER BRÄU: Rauch Royal – Keller – Zwickl Pils
ELCH BRÄU: Pils – Dunkel
BRAUEREI GRIESS: Kellerbier
BRAUEREI KRUG GEISFELD: Lager
METZGERBRÄU: Lager
BRAUEREI REBLITZ: Landbier
BRAUEREI HUMMEL: Keller – Räucherla- Raucherator
BRAUEREI HOH: Lager – Schwarzbier
BRAUEREI HELLMUTH: Ur Stöffla
BRAUEREI SCHARPF: Zwickl – Märzen- Bock
BRAUEREI HARTLEB: Landbier
BRAUEREI WILL: Landbier – Altbier
BRAUEREI WITZGALL: Landbier – Vollbier
BRAUEREI LIEBERTH: Kellerbier
BRAUEREI ROPPELT: Kellerbier
GOLDENER LÖWE FÖRST: Altfrankisches
BRAUEREI WIRTH: 1747 Helles
BRAUEREI GEYER: Hausbrau
BRAUEREI GRADL: Leupser Dunkel
BRAUEREI HECKEL: Vollbier Hell
BRAUEREI HELLER: Schlenkerla Märzen- Fasten
BRAUEREI SPEZIAL: Lager
FORSTQUELL: Lager
BRAUEREI MARTIN: Pils – Spezial – Bock
HÜBNER BRÄU STADELHOFEN: Vollbier
BRAUEREI GÖLLER DROSENDORF: Lager – Rötla
BRAUEREI KRAUS: Lager – Hirschentrunk
STERN BRÄU SCHEUBEL: Vollbier
BRAUEREI SAUER ROSSDORF: Rossdorfer Urbräu
BRAUEREI EICHHORN DÖRFLEINS: Kellerbier
BRAUEREI ZWANZGER: Hausbräu
ZUR SONNE BISCHBERG: Helles
BRAUEREI HÖLZLEIN: Bock
BRAUEREI REH: Zwickl
BRAUEREI OTT: Pils

Funziona così: all’ingresso con 5 euri si riceve la guida, bicchiere celebrativo e un gettone. Con 10 € si prende il boccale al posto del bicchiere. Per una birra da 0,5 cl ci vogliono 5 gettoni, per assaggio 1 gettone, 3 gettoni per una piccola da 0,2. 1 gettone = 1 euro.

Si entra da Via Lazzaro Spallanzani 1/A.

Questi gli orari:

  • Venerdì 7 dalle 17.00 alle 2.00
  • Sabato 8 dalle 12.00 alle 2.00
  • Domenica 9 dalle 12.00 alle 0.30. Ci si vede alla Limonaia di Villa Torlonia.

Tutte le info sul sito dell’evento.

Articolo di Alessandro Rotondi

verdenaturablog@gmail.com

https://www.facebook.com/verdenaturablog