Archivi tag: pomodori

Spaghetti di zucchine con pomodorini

Ingredienti

  • zucchine
  • basilico
  • pomodorini ciliegino
  • aglio
  • sale marino integrale
  • pepe nero
  • olio evo

Preparazione

Lavate accuratamente le zucchine, dopo di che spuntatele alle estremità. Lavate i pomodorini ciliegia e divideteli, quindi, esattamente a metà.

Per preparare gli spaghetti usate l’apposito attrezzo. In alternativa, potete tagliare le zucchine a julienne lunghe con una tagliaverdure.

Tempera Verdure - Spiralfix
Trasforma innumerevoli tipi di verdura in deliziosi spaghetti vegetali e rondelle

Voto medio su 2 recensioni: Buono

€ 39,90

In una padella sistemate i pomodorini, l’aglio intero schiacciato e gli spaghetti di zucchine. Cuocete appena cinque minuti.

Spegnete il fuoco e regolate di sale e di pepe. Mescolate con molta attenzione per evitare che le zucchine si rompano.

Servite gli spaghetti in tavola con un giro appena di olio.

Se gradito, gustate aggiungendo ancora altro basilico.

Ricetta di Roberta D’Alessandro

verdenaturablog@gmail.com

https://www.facebook.com/verdenaturablog

 

Moringa in Polvere
Moringa in polvere di altissima qualità.
€ 14,49

Pomodorini alla melanzana

Ingredienti per 4 persone

  • 1 melanzana
  • 16 pomodorini pizzutelli
  • 2 spicchi d’aglio
  • 10 foglie di basilico
  • erba cipollina
  • fette di pane tostato
  • olio evo
  • sale marino integrale
  • pepe


Preparazione

Lavate la melanzana, sbucciatela e tagliatela a dadini. Scaldate poco olio in una padella con gli spicchi d’aglio schiacciati e spellati, unite i dadini di melanzana e cuoceteli a fiamma media per 4-5 minuti, mescolando di tanto in tanto.

Eliminate l’aglio, trasferite i cubetti di melanzana in un contenitore stretto e alto, con le foglie di basilico, 2-3 cucchiai d’olio, sale e pepe e frullate con un frullatore ad immersione.

Tagliate i pomodorini a metà nel senso della lunghezza e togliete parte della polpa con uno scavino. Riempiteli con la crema di melanzane, profumate con un po’ di erba cipollina tagliuzzata e servite con fettine di pane tostato.

Ricetta di Roberta D’Alessandro

verdenaturablog@gmail.com

https://www.facebook.com/verdenaturablog

Vegan senza Glutine

Voto medio su 1 recensioni: Buono

€ 19,90

Pomodori agli spaghetti con pesto di erbe

Ingredienti per 4 persone

  • 4 grossi pomodori da insalata non troppo maturi
  • gr 160 di spaghetti integrali
  • 1 mazzetto di erbe miste (prezzemolo, menta, erba cipollina e timo)
  • ½ spicchio d’aglio
  • una manciata di mandorle
  • olio evo
  • sale marino integrale
  • pepe

Preparazione

Lavate i pomodori, tagliate via la calotta, svuotateli della polpa, salateli all’interno e lasciateli capovolti.

Pulite le erbe e raccoglietele nel frullatore: dosate la proporzione degli aromi secondo il vostro gusto, ma senza esagerare con la menta (ha un profumo dominante). Unite l’aglio, le mandorle, il sale, quindi aggiungete olio a filo mentre frullate, in modo da ottenere un pesto non troppo fluido.

Cuocete gli spaghetti al dente in acqua salata, scolateli e raffreddateli un po’ sotto il getto dell’acqua corrente. Conditeli con il pesto, se serve aggiungete qualche cucchiaio d’acqua di cottura della pasta, farcite i pomodori (dopo averli sciacquati all’interno e asciugati).

Cospargete con granella di mandorle e cuocete in forno caldo a 190° per 20 minuti e servite.

Ricetta di Roberta D’Alessandro

verdenaturablog@gmail.com

https://www.facebook.com/verdenaturablog

Portalumini Mezza Luna - Angelo
In legno lavorato a mano

Voto medio su 1 recensioni: Da non perdere

€ 9,80

Peperoni ripieni al basilico e pomodorini marinati

Ingredienti

  • 1 peperone grande
  • gr 200 di pomodorini (meglio se datterini)
  • gr 110 di anacardi
  • gr 50 di rucola
  • 20 foglie di basilico
  • 2 cucchiai di capperi
  • 2 cucchiai di succo di limone biologico
  • olio evo
  • salsa tamari
  • pepe
  • sale marino integrale

Preparazione

Dividete il peperone in 4 barchette, seguendo le sue naturali scanalature, poi eliminate semi e parti bianche.

Conditele con l’olio e la salsa tamari, massaggiando bene per assicurarvi che il condimento venga distribuito in maniera uniforme sia all’interno che all’esterno.


Rilevatore per trovare le lenti delle telecamere spia anche spente

Disponete le barchette di peperone nell’essiccatore a 42 °C per 3 ore.

Se non avete l’essiccatore potete utilizzare per 3 ore il forno ventilato, al minimo della temperatura e con lo sportello del forno leggermente aperto.

In entrambi i casi i tempi di essiccazione potrebbero variare anche in base alla temperatura e all’umidità dell’ambiente.

Mettete gli anacardi ad ammollare in acqua fredda per 2 ore.

Condite i pomodorini ridotti in pezzetti, con olio, sale, pepe e un terzo del basilico sminuzzato finemente. Lasciateli marinare mentre preparate il resto della ricetta.

CIBO CRUDO

Risciacquate gli anacardi ammollati e frullateli con due cucchiai d’acqua, il succo di limone, mezzo cucchiaino di sale, due terzi delle foglie di rucola tagliate grossolanamente e il restante basilico sminuzzato.

Farcite ogni barchetta di peperone con la crema di anacardi al basilico e disponetevi le restanti foglie di rucola.

Scolate i pomodorini dal liquido di marinatura in eccesso e distribuiteli sulla rucola.

Aggiungete, infine i capperi, precedentemente dissalati e tritati, quindi portate subito in tavola.

Ricetta di Roberta D’Alessandro

verdenaturablog@gmail.com

https://www.facebook.com/verdenaturablog

Essiccatore Biosec Domus B5
Essiccatore Domestico da 5 cestelli

Voto medio su 103 recensioni: Da non perdere

€ 192

Torrette di pomodoro e risella ed origano

Ingredienti per 4 persone

  • 6 pomodori medio-grandi
  • gr 150 di pomodorini
  • gr 250 di risella (mozzarella di riso)
  • 1 cucchiaio di origano secco
  • sale marino integrale
  • pepe

 

Preparazione

Tagliate i pomodori a fette orizzontali, eliminando le parti più acquose.

Stendete le fettine su una leccarda ricoperta di carta da forno e infornatela a 140 °C per circa 2 ore.

Dividete i pomodorini in quarti, conditeli con sale, pepe e origano e lasciateli riposare.

Affettate la mozzarella di riso.

Create le torrette alternando le fette di pomodoro disidratato con quelle di risella, poi infilzatele con altrettanti spiedini di legno per mantenerli stabili.

Passate le torrette in forno a 180 °C per pochi minuti, prima di servire, finché diventano molto calde.

Distribuite le torrette nei piatti, versatevi sopra il preparato di pomodorini e completate con una leggera spolverata di sale.

Ricetta di Roberta D’Alessandro

verdenaturablog@gmail.com

https://www.facebook.com/verdenaturablog

Crackers Integrali alla Spirulina Bio

Voto medio su 4 recensioni: Da non perdere

€ 3.9

Frittelline di pomodoro alla greca

Ingredienti per 4 persone

  • gr 90 di farina
  • gr 400 di pomodori molto maturi
  • 1 cipolla rossa piccola
  • 2 rametti d’origano fresco
  • 1 rametto di menta
  • ½ cucchiaino di cumino in polvere
  • 1 punta di coltello di cannella
  • 1 cucchiaino da caffè di bicarbonato di sodio
  • olio per friggere
  • sale marino integrale
  • pepe
  • gr 150 di yogurt di soia
  • qualche rametto di aneto

Preparazione

Riducete i pomodori in cubetti, poi tritate la cipolla. Sfogliate e tritate sia la menta che l’origano.

Riunite in una ciotola gli ingredienti per l’impasto delle frittelle, ossia i dadini di pomodoro e la cipolla, la farina, l’origano, la menta, il cumino e la cannella, il bicarbonato, una presa di sale e di pepe.

Mescolate il tutto e lasciate riposare per 3-4 ore.

Vendita microspie Roma

Preparate la salsa prima di cuocere le frittelle. Tritate l’aneto fino ed incorporatelo allo yogurt insieme ad un pizzico di sale.

Portate alla temperatura di 180 °C abbondante olio di arachidi in una padella e friggetevi l’impasto a cucchiaiate per 3 o 4 minuti per parte, fino a quando ogni frittella diventa uniformemente dorata e croccante.

Servite le frittelline accompagnandole con la salsa di yogurt.

Ricetta di Roberta D’Alessandro

verdenaturablog@gmail.com

https://www.facebook.com/verdenaturablog

 

Fidi Floc Medium - Mulino/Fioccatrice
Il mulino\fioccatrice Komo Fidifloc è composto da una fioccatrice FlicFloc e un mulino Fidibus in un unico prodotto
€ 499

Pennette datterini e cocco

Ingredienti per 4 persone

    • gr 240 di penne integrali
    • gr 600 di datterini
    • 2 cucchiai di capperi ben lavati
    • 2 cucchiai rasi di cocco grattugiato
    • 2 cucchiai di olio evo
    • 1 cucchiaino di curcuma in polvere
    • 1 spicchio d’aglio
    • sale marino integrale
    • pepe

Preparazione

Fate rosolare leggermente l’aglio nell’olio, eliminatelo e unite i datterini tritati grossolanamente e i capperi.

Quando questi sono appassiti, aggiungete la curcuma; mescolate bene il sugo e versateci sopra la pasta, che avrete nel frattempo cotto e scolata al dente al dente.

Fatela saltare per qualche istante, completate con pepe e cocco e servite in tavola.

Ricetta di Roberta D’Alessandro

verdenaturablog@gmail.com

https://www.facebook.com/verdenaturablog


Pomodori ripieni all’uovo

Ingredienti per 4 persone

  • 4 pomodori maturi e sodi
  • 6 uova sode
  • 1 ciuffo di prezzemolo
  • 2 cucchiai di capperi
  • 2 cucchiaio di olio evo
  • sale marino integrale
  • peperoncino

Preparazione

Private i pomodori della calotta superiore; tagliatela a dadini e mettetela in una ciotola. Svuotate i pomodori dei semi e dell’acqua di vegetazione.

Tritate le uova sode con il prezzemolo e i capperi, regolando di sale.

Mettete il trito nella ciotola con i dadini di pomodoro e conditeli con l’olio e peperoncino a piacere.

Usate questo composto per farcire i pomodori, che conserverete in frigo fino al momento di servire in tavola.

Ricetta di Roberta D’Alessandro

verdenaturablog@gmail.com

https://www.facebook.com/verdenaturablog

Frantoil
Il tuo frantoio in casa per produrre olio 100% naturale da tantissimi semi

Voto medio su 1 recensioni: Da non perdere

€ 489

Mafalde al pomodoro

Ingredienti per 4 persone

  • gr 240 di mafalde integrali
  • 4 pomodori maturi
  • gr 100 di parmigiano a scaglie
  • 8 foglioline di menta
  • 2 cucchiai di olio evo
  • sale marino integrale
  • pepe nero

Preparazione

Cuocete la pasta in abbondante acqua salata.

Nel frattempo, pulite, lavate e tagliate  i pomodori e metteteli in un tegame con l’olio.

Lasciateli rosolare, poi versate la pasta che avrete scolato al dente e fate saltare per 1-2 minuti.

Unite la menta, le scaglie di parmigiano e servite spolverizzando con il pepe.

Ricetta di Roberta D’Alessandro

verdenaturablog@gmail.com

https://www.facebook.com/verdenaturablog

Estraggo Pro - Estrattore
Estrattore di succo da frutta e verdura – BPA Free – 60 giri al minuto – Puoi inserire la frutta e la verdura intera!

Voto medio su 23 recensioni: Da non perdere

€ 469

Come coltivare i pomodori in vaso

Io personalmente trovo non solo rilassante, ma anche fortemente soddisfacente coltivare sul proprio balcone ortaggi e piante varie.

Vederli crescere, fiorire e poi produrre frutti mi dona una piacevole sensazione di riconciliazione con il mondo, quindi perché non unire l’utile ad dilettevole e portare avanti questa passione?

Tra tutte le piante che ho, quelle che amo in maniera particolare sono i peperoncini e i pomodori (spero non me ne vogliano la lavanda, la maggiorana, il prezzemolo e l’origano che abitano nei vasi vicini, ma credo che non mi leggano, quindi per questa volta sono salva. Poi parlerò anche di loro!), entrambi coloratissimi, profumati e pronti a riempire di fiori prima e di frutti poi il mio balcone.

Oggi, dunque, voglio parlarvi di come poter coltivare i pomodori in vaso (a proposito quelli in foto sono i miei, semplicemente fantastici!).

Si tratta di una tipologia di coltivazione particolarmente semplice, che non richiede grandi conoscenze tecniche, né troppo tempo da dedicarle.

Innanzitutto precisiamo che i pomodori andrebbero invasati a maggio, ma in questo periodo si trovano le piantine già pronte, quindi basta  acquistarle e metterle sul vostro balcone.

Quando si deve scegliere un vaso, sarebbe preferibile optare per delle fioriere e porre ogni piantina a circa 15 centimetri di distanza dall’altra. Se, invece, si prendono vasi singoli, allora è bene avere l’accortezza di sceglierne di dimensioni non inferiori ai 30 centimetri.

In entrambi i casi, comunque, ricordatevi di posizionare i pomodori in una zona soleggiata.

Man mano che le piante crescono, mettete delle canne di bambù all’interno del vaso e legate a queste ultime i rami più pesanti, così da evitare che si rompano sotto il peso dei pomodori.

Se si parte dalla semina è importante, invece, ricordare che il mese di marzo è quello migliore per dare avvio ad una semina protetta, per poi passare le piantine all’aperto da maggio.

I pomodori vivono bene ad una temperatura, che si aggira intorno ai 21-22 °C, tuttavia possono anche resistere a climi più rigidi; importante è non scendere al di sotto dei 3°C perché la pianta in questo caso rischia di morire.

Per quanto riguarda l’annaffiatura, fondamentale ricordarsi di dare acqua abbondante ogni giorno, con particolare attenzione ai periodi come questo, in cui si arriva oltre i 30°C, per evitare che la pianta si secchi e muoia.

Come sempre è preferibile dare l’acqua la sera, in modo tale che l’umidità della notte prolunghi i tempi di permanenza dei liquido nel vaso.

E’ importante non bagnare mai le foglie, per evitare di indebolirle, esponendole più facilmente ad infestazioni di parassiti e di funghi.

Rispetto alle varietà di pomodori da scegliere per il vostro orto sul balcone, sono da prediligere la qualità ciliegia oppure i Cuore di bue o i San Marzano o i datterini.

Dopo questa breve illustrazione sulla gestione dei vostri pomodori, passiamo alla parte pratica e vediamo come porre le piante nei vasi.

Iniziate con il riempimento dei vasi stessi con la terra, fino ai due terzi dell’altezza del contenitore e non oltre. Dopo di che mettete le piante all’interno leggermente inclinate, rispettando una distanza di circa 15 centimetri una dall’altra.

A questo punto aggiungete altra terra ed innaffiate.

Seguite giorno dopo giorno la crescita delle vostre piante, pronti – come dicevamo – a sorreggerle con delle canne quando saranno abbastanza alte.

Veder spuntare i primi fiorellini è davvero una soddisfazione e vederli, poi, trasformare in pomodori è ogni volta un’emozione.

Un’ultima cosa: d’inverno le piante in genere muoiono, ma ormai io non le semino più. In primavera rispuntano in totale autonomia, grazie ai pomodorini che cadono nel vaso e che lascio là.

Ora non vi resta che provare. Un piccolo modo per avere un angolo di verde anche in città, auto producendosi ortaggi genuini ed unici.

Articolo di Sabrina Rosa

verdenaturablog@gmail.com 

https://www.facebook.com/verdenaturablog