Archivi tag: timo

Orzotto al timo con le fave

Ingredienti per 2 persone

  • gr 120 di orzo
  • gr 200 di fave sgusciate (anche surgelate e precedentemente lessate)
  • 1 cucchiaio di scalogno tritato
  • 2 cucchiaini di olio evo
  • 1 cucchiaino di pistacchi tritati
  • 10 foglie di prezzemolo tritato
  • timo
  • sale rosa
  • pepe

Preparazione
CIBO CRUDO

Iniziate la preparazione di questo piatto con lo sgusciare e il lessare le fave.

Nel frattempo, tagliate finemente lo scalogno e mettetelo ad appassire all’interno di un tegame con l’olio caldo.

Unite l’orzo, mescolate per circa due minuti usando un cucchiaio di legno e, quindi, versate all’interno anche un mestolino di acqua bollente.

Quando mancano cinque minuti alla fine della cottura dell’orzo, aggiungete le fave e il timo.

Aggiustate il preparato di sale e di pepe e mescolate delicatamente.

Una volta che il vostro orzo ha raggiunto la giusta cottura, spolverizzatelo con il prezzemolo ed i pistacchi tritati.

Servite in tavola ben caldo.

Buon appetito!

Ricetta di Roberta D’Alessandro

verdenaturablog@gmail.com

https://www.facebook.com/verdenaturablog

Fondi di carciofo con scalogni e parmigiano

Ingredienti per 6 persone

  • 6 fondi di carciofi
  • 2 scalogni
  • 1 mazzetto di timo
  • gr 70 di parmigiano
  • 2 cucchiai di panna fresca
  • 1 limone non trattato
  • burro
  • sale marino integrale
  • pepe bianco

 

 

CIBO CRUDO

Preparazione

Lessate i fondi di carciofi per una decina di minuti in acqua salata e acidula con il succo di limone.

Sgocciolateli e metteteli, quindi, a scolare capovolti su un canovaccio pulito, in modo che perdano tutta quanta l’acqua in eccesso.

Sbucciate gli scalogni, ricavate una dozzina di rondelle sottili e tritate il resto.

Fate appassire il trito in una padella con una noce di burro e qualche rametto di timo. Spegnete, eliminate il timo e lasciate intiepidire.

Mescolate in una ciotola il parmigiano grattugiato con la panna, il soffritto e lo scalogno e una macinata di pepe.

Sistemate i fondi di carciofo lessati in una pirofila ben imburrata, riempite le cavità con la crema di parmigiano, guarnite con rondelle di scalogno tenute da parte e alcuni rametti di timo.

Infornate a 180° per circa 10 minuti, fino a quando si forma una leggera crosticina dorata.

Servite i fondi ben caldi guarnite a piacere, con qualche foglia di carciofo lessata e scagliette di parmigiano.

Ricetta di Roberta D’Alessandro

verdenaturablog@gmail.com

https://www.facebook.com/verdenaturablog

 

Mini tarte tatin al timo

Ingredienti per 4 persone


Preparazione

Pulite i carciofi eliminando i gambi, diversi giri di foglie esterne spesse e le punte spinose.
CIBO CRUDO
Tagliate a metà, privateli del fieno centrale e lessateli per 20 minuti in abbondante acqua salata, con il succo di limone.

Sgocciolateli bene e tagliateli per il lungo a spicchi non troppo sottili.

Pelate la cipolla, affettatela e lasciatela appassire molto dolcemente in una padella, con una noce di burro, per circa 10 minuti.

Unite lo zucchero, l’aceto balsamico, le foglioline di 2 – 3 rametti di timo e continuate la cottura per altri 10 minuti.

Aggiungete i carciofi, metà dei pinoli e rigirate delicatamente per 3 – 4 minuti.

Regolate di sale e pepate.

Assottigliate la sfoglia con il matterello e ricavate 4 dischi di circa 14 centimetri di diametro.

Imburrate 4 stampini da tartella, distribuite sul fondo metà dei pinoli, aggiungete il misto di carciofi e coprite con i dischi di pasta sfoglia, rimboccando il bordo verso l’interno.

Punzecchiate la superficie con una forchetta e infornate a 180° per circa 20/25 minuti, finché la sfoglia sarà leggermente dorata in superficie.

Nel frattempo fate tostare dei pinoli in una padella antiaderente, per dorarli leggermente.

Sfornate le tortine, lasciatele riposare per circa 5 minuti e capovolgetele nei piatti.

Guarnite le mini tatin con i pinoli tostati e servite.

Ricetta di Roberta D’Alessandro

verdenaturablog@gmail.com

https://www.facebook.com/verdenaturablog

Scaloppine veg di soia in crema di pepe rosa e sedano

scaloppine-di-soia-in-crema-di-pepe-rosa-e-sedano

Ingredienti per 4 persone

  • 8 fette di soia disidratata
  • 30 fagiolini mix gialli e verdi
  • ½ l di latte di riso
  • 2 gambi di sedano
  • 1 scalogno
  • gr 30 di farina di farro integrale
  • 1 cucchiaio di pepe rosa
  • 1 cucchiaio di timo fresco
  • sale marino integrale
  • olio evo

CIBO CRUDO

 

Preparazione

Bollite le scaloppine di soia per 20 minuti in acqua bollente.

Scolatele, fatele raffreddare e strizzatele bene.

Sbollentate in acqua bollente per qualche minuto i fagiolini, scolateli e teneteli da parte.

Soffriggete lo scalogno con 3 cucchiai d’olio, unite le scaloppine e rosolatele per 4 minuti

Dopo di che abbassate la fiamma e unite la metà del latte di riso.

Quando il latte inizia a rapprendersi, aggiustate di sale, aggiungete il pepe rosa e il sedano tritato.

Continuate la cottura, a fiamma bassa, aggiungendo il latte poco per volta e continuando a mescolare.

Cuocete circa 12 minuti e, quando il latte avrà formato una cremina densa, servite in tavola guarnendo con i fagiolini sbollentati.

Ricetta di Roberta D’Alessandro

verdenaturablog@gmail.com

https://www.facebook.com/verdenaturablog

Vellutata di cavolo viola con semi di sesamo

wp_20170210_12_37_47_pro

Ingredienti per 4 persone

  • 2 cavoli violaCIBO CRUDO
  • gr 10 di olio evo
  • gr 2 di sale marino integrale
  • gr 10 di olio aromatizzato al timo
  • gr 10 di succo di limone
  • gr 5 di semi di sesamo

Preparazione

Lavate  bene il cavolo e tagliatelo finemente; dopo di che cuocetelo in acqua bollente per circa 10 minuti.

Scolatelo e frullatelo insieme ad un pizzico di sale e un filo d’olio, fino ad ottenere una consistenza bella cremosa.

Disponete, quindi, la vostra vellutata di cavolo nelle scodelle da portare a tavola e completate con l’olio aromatizzato.

Quest’ultimo lo avrete preparato in precedenza, lasciando in infusione nell’olio al buio, per almeno tre settimane, il timo fresco , i semi di sesamo e il succo di limone.

Sarà proprio il vostro olio aromatizzato a far cambiare il colore del piatto, grazie alla presenza della componente acida del limone, che farà perciò diventare la vellutata da viola a rossa.

Ricetta di Roberta D’Alessandro

verdenaturablog@gmail.com

https://www.facebook.com/verdenaturablog

Conchiglioni ripieni di funghi

roby

Ingredienti per 6 persone

  • gr 500 di conchiglioni
  • gr 300 di funghi porcini
  • ml 250 di latte
  • gr 25 di farina
  • gr 80 di burro
  • gr 100 di panna da cucina
  • 1 cipolla bianca
  • 1 spicchio d’aglio
  • gr 60 di Parmigiano Reggiano
  • 2 rametti di timo
  • 2 cucchiai di aceto bianco
  • gr 50 di sale marino grosso integrale
  • sale fino integrale
  • pepe

tortiglioni

Preparazione

Asportate la arte terrosa dai funghi, puliteli con carta da cucina inumidita con l’aceto. Tagliateli a fettine, anche i gambi.

Sbucciate e tritate la cipolla, sbucciate l’aglio. Versate 30 grammi di burro in una casseruola, unite la cipolla e l’aglio, mescolate e lasciate rosolare per 2 minuti.

Aggiungete i funghi e un rametto di timo, mescolate e lasciate cuocere per 8 minuti, mescolando spesso.

Scolate i gambi e frullateli con due cucchiai di panna fino ad ottenere una crema liscia.

Sciogliete 30 grammi di burro e aggiungete la farina, mescolando rapidamente per non formare grumi, aggiungete il latte e portate a bollore a fuoco dolce, continuando a mescolare, salate.

Macrolibrarsi.it presenta: Rigenera le tue Cellule - La Guarigione Sciamanica

Incorporate alla besciamella ottenuta il frullato di funghi, cuocete 2 minuti.

Portate a bollore, una pentola con dell’acqua salata. Tuffatevi dentro i conchiglioni e cuoceteli al dente, 1 – 2 minuti meno di quanto indicato sulla confezione, scolateli, raffreddateli rapidamente sotto l’acqua corrente e stendeteli ad asciugare su un telo da cucina.


Telecamera nascosta con Memoria Micro SD

 

Imburrate una teglia che possa andare anche in tavola, distribuite sul fondo 2-3 cucchiai di besciamella, aggiungete alla besciamella rimasta i funghi con il fondo di cottura, il parmigiano e le foglie di timo.

Farcite i conchiglioni con 2 cucchiai di besciamella  e funghi, disponendoli man mano nella teglia, ravvicinati.

Versate la panna mescolata con il parmigiano rimasto, a filo tra i conchiglioni, distribuite qualche fiocchetto di burro in superficie.

Infornate a 180 gradi per circa 30 minuti. Sfornate e portate in tavola.

Ricetta di Roberta D’Alessandro

verdenaturablog@gmail.com

https://www.facebook.com/verdenaturablog

Frullatore Dynablend Blender
Alta qualità e potenza ad un prezzo basso – BPA Free!
€ 219,00

Sale aromatizzato al peperoncino

IMG-20150801-WA0004

Quella che vi proponiamo oggi è la ricetta di un sale aromatizzato al peperoncino, ottimo per dare sapore a diverse pietanze.

Come sempre noi abbiamo scelto il sale marino integrale per la preparazione, perché molto più salutare di quello normale e ancor più di quello iodato (abbiamo trattato questo tema qualche tempo fa; i più curiosi lo trovano a questo link).

La preparazione è semplicissima, basta solo cercare ingredienti biologici, ancor meglio se coltivati in casa.

Ingredienti:

  • sale marino integrale grosso
  • peperoncini (usate quelli che preferite a seconda del vostro gusto personale e di quanto amate il piccante)
  • timo

Preparazione:WP_20150815_010 (1)

Lavate bene i peperoncini e tagliateli a pezzetti, stando attenti a non disperdere i semi.

Lavate bene anche il timo e tagliatelo.

Lasciate asciugare entrambi con particolare attenzione, perché al momento del loro utilizzo devono essere privi di acqua.

Prendete, quindi, un frullatore e versateci dentro il sale grosso, che farete andare insieme al peperoncino ed al timo.

Versate la vostra polvere in una pirofila da forno, che dovrete poi coprire con carta forno e lasciare a circa 180°C per due ore.

Lasciate raffreddare e versate il vostro sale aromatizzato in barattolini, pronto per essere utilizzato quando volete un effetto particolare per le vostre pietanze.

Alcuni consigli: abbiamo scelto il timo perché cresce bene con il peperoncino all’interno dello stesso vaso, quindi anche chi ha poco spazio può organizzarsi per coltivare queste piantine d’estate e prepararsi poi il sale in autunno.

Inoltre, usate guanti e mascherina quando tagliate e tritate il peperoncino per evitare di inalarlo o di toccarvi per sbaglio gli occhi, provocando fastidiosissimi bruciori alle mucose.

Per il resto, che aspettate a provare? Buon proseguimento e alla prossima ricetta!